Crea sito
Blog di K63

Strumenti e affini

Tutti i soldi che ho speso in strumentazione descritti in questa categoria

C’e’ un nuovo sceriffo in citta’

Giovedi’ 17 agosto di fronte ad un numeroso pubblico si e tenuta l’inaugurazione del nuovo strumento installato presso l;osservatorio amatoriale G. Pascoli codice MPEC K63  ecco una carrellata di foto relative allo strumento . Un Telescopio in configurazione newton con uno specchio Giacometti di 407 mm di diametro in Supremax   con una focale di 1350 mm  il telescopio completo  ha un peso di circa 28 chilogrammi la cella e una GSO a 18 punti di appoggio il tubo e una struttura a nido d’ape  in carbonio  del peso di 7 kg e dello spessore di 11 mm . Spider e sistema di fuoco autocostruiti.

Andiamo a comandare ! 400 MM

Se il buon giorno si vede dal mattino non posso dire che tutto stia filando liscio come l’olio , mi riferisco all’assemblaggio del nuovo telescopio da 400 mm che ho in fase di allestimento. Il tubo e’ arrivato lo psecchio ancora no.. La flangia monoblocco e risultata inutilizzabile dopo aver deciso di fare un giretto mentre la stavano effettuando la tornitura. La realizzazione di una flangia sempre monoblocco con  taglio laser o ad acqua risulta essere costosa difficile e con tempi di consegna moolto lunghi. percio all’ultimo mi sono deciso di adeguarmi alla tradizione costruendo un supporto spider con assemblaggio meccanico e fissaggio mediante viti  M3,5 e M6. La piastra losmandy marcata Celestron scompare  sulla cirocnferenza del tubo ma  ho provveduto a modificarla ed a a rinforzare il fissaggio sul tubo applicando delle lamiere curvate che distribuiscono meglio la forza di fissaggio esercitata dalle viti.

 

Ecco a voi il tubo e la cella

 

E la nuova tipologia di supporto che penso sia un giusto connubio tra economicita’ e prestazioni.

 

Ciao Bestione !

In attesa di potenziare ulteriormente l’osservatorio sperando che l’avventura della costruzione custom dia i suoi frutti. Ho dovuto fare a malincuore spazio nel mio parco strumenti , Il primo ad andarsene  è il mio cavallo di battaglia, il Newton ORION  da 12′ F4 motorizzato Robofocus  con ottiche certificate Lambda 10 , un rasoio di telescopio con un ottica sopraffina e una meccanica mediocre , ma non si puo’ aver tutto dalla vita almeno spendendo poco.Eccolo qua nella sua nuova casa a macinare fotoni per l’osservatorio di Tavolaia , installato su una montatura  equatoriale Monstre autocostruita  .Che i nuovi proprietari ne facciano buon uso !

 

 

I fotoni non bastano mai ,aumentiamo le superfici, Newton 40CM

Ho un cielo schifoso ho strumenti ottimi , ma l’appetito viene mangiando e mi sono imbarcato in questa difficile avventura della progettazione e costruzione di uno strumento ad Hoc per la mia attuale passione astrometrica.

Un  telescopio di 40 cm a cortissima focale senza specchio secondario con la camera CCD  inserita sul fuoco primario del telescopio.

ecco la bozza del progetto attualmente in elaborazione anche se lo specchio è in costruzione e il tubo in e la cella sono stati ordinati !

Per la collimazione ed il fuoco remotizzati utilizzero 3 motori nema 17 montati sulla cella  appositamente modificata.

 

 

Lo specchio 400mm f 3.3  sara Giacometti  alluminato da Zaot

La cella una Gso modificata 

Il tubo in carbonio De 480 mm spessore 11 mm e lunghezza 1300  

La barra losmandy 600 mm euro

La modifica della cella e lo spider di supporto effettuati da una ditta meccanica  circa 300 euro

Focheggiatore elicodale  ( da usarsi come opzione 2)